Crisi di allattamento

crisi di allattamento

Durante l'allattamento ci sono alcuni momenti di crisi di allattamento o scatti di crescita dove viene modificato il comportamento abituale del bambino al momento della suzione. A causa dell'ignoranza, molte madri si preoccupano di questo cambiamento, ma è qualcosa di comune che non dovrebbe preoccuparci. Parliamo delle crisi di allattamento dei bambini durante i primi mesi di vita in modo che tu sappia di cosa si tratta e come identificarli.

Cosa sono le crisi di allattamento?

Le crisi dell'allattamento o anche chiamate scatti di crescita, sono momenti che si verificano durante il periodo dell'allattamento. Di solito si verificano in 3 settimane, 6 settimane e 12 settimane di vita. Questa non è una regola esatta, poiché a seconda del bambino può variare.

Queste crisi ciò che suppone è un improvviso cambiamento nella domanda del bambino. Si comporta in modo diverso da come era stato nelle settimane precedenti e può essere interpretato come che il bambino non riceve abbastanza latte.

Questi sono i diversi crisi di allattamento dei bambini durante i primi mesi.

Crisi di allattamento a 3 settimane

Approssimativamente tra i 17 ei 20 primi giorni di vita può verificarsi la prima crisi di allattamento. Dopo circa due settimane regolari con le poppate, il bambino diventa molto ansioso per le poppate, vuole succhiare continuamente, sembra essere a disagio nel succhiare e sembra non essere sazio. Potrebbe volerci più di mezz'ora per mangiare e piangere disperatamente se non hai un seno. Puoi sputare il tuo latte e continuare a succhiare lo stesso.

Perché viene prodotto? Ebbene, la produzione di latte materno viene prodotta su richiesta. Maggiore è la domanda, maggiore è la produzione. Il bambino anticipa che avrà bisogno di più produzione di latte per la sua crescita e quello che fa è chiedere di più per ottenerlo. Una volta che ci riesce, i colpi vengono normalizzati e distanziati nel tempo.

La madre può erroneamente interpretarlo come se non ricevesse abbastanza latte e spesso lo integra con latte artificiale. Solo Devi essere paziente In questi giorni, chiedi aiuto perché sarà estenuante allattare tutto il giorno e aspettare che tutto torni alla normalità. Di solito non dura più di un paio di giorni.

germogli la crescita

Crisi di allattamento a 6 settimane

Intorno alle 6 settimane di età, si verifica la seconda crisi della lattazione. Un nuovo scatto di crescita si verificherà nel bambino che ha bisogno di una maggiore produzione di latte. Puoi fare comportamenti strani quando allatti al seno che non hai fatto prima: sobbalza, inarca la schiena o diventa molto nervoso.

È un altro momento in cui la nostra pazienza viene messa alla prova. Allattare al seno in un luogo tranquillo e silenzioso, cantargli o spostarlo delicatamente può lenire il tuo bambino. È la natura stessa a svolgere la sua funzione, il bambino sa che deve farlo per la sua sopravvivenza ed è per questo che lo fa. Tra pochi giorni o al massimo una settimana, quando si avrà l'aumento della produzione di latte, tutto tornerà alla normalità.

Crisi di allattamento a 12 settimane

Questo è il peggio di tutti. È il più lungo e il più faticoso. Sarà difficile rimanere fermi e pazienti in modo da non interrompere l'allattamento al seno. La sensazione che il nostro latte non lo nutra aumenta, e in parte è così perché il bambino durante questa crisi può perdere peso o non prenderlo. Ma è una situazione temporanea per il nostro corpo adattarsi alla sua richiesta.


Si consiglia di avere molta pazienza, soprattutto durante questa crisi di 3 mesi. Per stimolare la produzione di latte possiamo esprimerci tra una poppata e l'altra, aiutando così il bambino nel suo lavoro. Si sente anche stressato e arrabbiato perché non ha la pazienza di aspettare che esca altro latte. Così dobbiamo avere questa pazienza e fiducia, in cui è un processo che passerà e tornerà la calma.

Perché ricorda ... per i bambini non c'è niente di meglio del latte materno, un motivo più che sufficiente per darci la forza per superare queste crisi.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.