I diritti dei bambini vengono violati: scopri come

diritti dei bambini

Oggi ricorre il Giornata universale dei diritti dei bambini. Un giorno per ricordarlo tutti i ragazzi e le ragazze hanno gli stessi dirittiindipendentemente da sesso, nazionalità, razza, religione, istruzione, condizione economica o orientamento sessuale. Questo è riconosciuto in Dichiarazione universale dei diritti dell'infanzia approvato il 20 novembre 1959 dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Tuttavia, questa dichiarazione non era sufficiente per proteggere i diritti dei bambini in quanto non implicava alcuna responsabilità legale per gli Stati che l'avevano ratificata. Pertanto, dopo anni di trattative con i governi di diversi paesi, leader religiosi e diverse istituzioni, il testo finale che porterebbe al Convenzione sui diritti dei bambini. Un trattato internazionale, approvato il 20 novembre 1989 dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Detto trattato include nella sua 54 articoli i diritti umani fondamentali di ragazze, ragazzi e adolescenti ed è di applicazione e adempimento obbligatori da parte di tutti i governi che lo hanno firmato. La convenzione prevede anche la responsabilità dei padri e delle madri, degli insegnanti, del personale sanitario e di tutti coloro che sono legati al mondo dell'infanzia.

La Convenzione si basa su quattro principi fondamentali che difendono tutti gli altri diritti dei bambini. Questi principi sono la non discriminazione, il superiore interesse del bambino, il diritto alla sopravvivenza e allo sviluppo e l'opinione del bambino.

Non discriminazione: Tutti i ragazzi e le ragazze hanno gli stessi diritti in tutte le situazioni, sempre e ovunque.

L'interesse superiore del bambino: Qualsiasi decisione, legge o politica che possa interessare i bambini deve tenere conto di ciò che è meglio per i bambini.

Il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo: Tutti i ragazzi e le ragazze hanno il diritto di vivere e di avere uno sviluppo adeguato, garantendo l'accesso ai servizi di base e pari opportunità.

La partecipazione: I minori hanno il diritto di essere consultati sulle situazioni che li riguardano e che le loro opinioni siano prese in considerazione.

I 54 articoli della convenzione sono riassunti in  Dieci principi fondamentali  quali sono Adempimento obbligatorio da parte delle nazioni che lo hanno ratificato.

Purtroppo, quasi 60 anni dopo la Dichiarazione universale, i diritti dei bambini continuano a essere violati. In molti casi la violazione di questi diritti è chiara ed evidente, ma in molti altri avviene in modo sottile e socialmente accettato. Ed è che i bambini costituiscono un gruppo particolarmente vulnerabile all'aggressione, generalmente da parte degli adulti. A causa delle loro condizioni fisiche ed emotive, sono le vittime più indifese ed esposte ad abusi di ogni tipo, spesso all'interno della casa, del loro ambiente o del loro paese. In molte occasioni si cerca di giustificare l'ingiustificabile, per ragioni religiose, culturali o morali.

Quali sono i diritti più violati?

Diritti all'istruzione

diritti all'istruzione

Migliaia di ragazze e ragazzi nel mondo non possono andare a scuola a causa delle condizioni in cui vivono, dei conflitti di guerra o perché sono costretti a lavorare.


Diritto alla salute

Molti minori nel mondo muoiono ogni giorno per essere vittime di malattie incurabili o per non avere accesso a medicinali che potrebbero salvarli.

Diritto alla nazionalità

Ci sono paesi che non riconoscono l'origine dei bambini. Questo li rende invisibili alla società e incapaci di godere dei diritti civili fondamentali.

Diritto a un alloggio dignitoso

In molti paesi, compreso il nostro, ci sono bambini che non possono godere di una casa. Questo genera problemi di adattamento e insicurezza nei minori.

Situazioni che violano i diritti dei bambini

Sfruttamento del lavoro

Molti bambini nel mondo lavorano in condizioni pericolose, per infinite ore, con pochissimo cibo e poco terrificanti condizioni di schiavitù che causano gravi conseguenze fisiche e psicologiche. 

Bambini colpiti da conflitti armati

bambini in guerra

Durante una guerra, i bambini si trovano a trovarsi gravi situazioni di rischio fisico ed emotivo. La perdita di familiari e altri cari li lascia in una situazione di estrema vulnerabilità, rendendo molto più facile per loro essere soggetti ad ogni tipo di attacco (stupri, rapimenti, tratta, reclutamento come bambini soldato, ecc.).

Trata

Ogni anno migliaia di bambini vengono rapiti o venduti dalle loro stesse famiglie per essere sfruttati all'interno o all'esterno del Paese. Le forme di traffico possono includere sfruttamento sessuale, lavoro e persino rimozione di organi.

Abuso sessuale

Intorno a questo problema di solito c'è un grande silenzio poiché la vittima prova vergogna e paura. Soprattutto quando è un familiare o un conoscente che esercita l'abuso. Le vittime temono il rifiuto e il disonore dalla loro famiglia. In alcuni paesi, i bambini non hanno nemmeno il diritto di testimoniare in tribunale.

Le ragazze tendono a subire abusi più spesso dei ragazzi.

Matrimonio precoce forzato

Si stima che 82 milioni di donne si sposino prima del loro diciottesimo compleanno. In molte occasioni, il matrimonio è il frutto di a trattativa tra i genitori della ragazza e il suo fidanzato, di solito molto più vecchia di lei.

Questo, oltre a supporre una violazione dell'interesse superiore della ragazza, presuppone una serie di implicazioni che incidono su diritti come l'istruzione, la salute o l'integrità fisica.

Mutilazione genitale femminile

Le vittime sono generalmente bambine tra i 4 ei 14 anni e l'operazione viene solitamente eseguita prima del matrimonio o del primo figlio. Questa pratica, oltre ad essere discriminatoria, costituisce a violazione dei diritti fondamentali della ragazza: diritto alla salute, all'integrità fisica, alla protezione dagli atti di violenza e alla libertà di decisione sul proprio corpo.

È una pratica quella di solito viene eseguita in modo rudimentale e senza precauzioni igieniche. Pertanto, le ragazze sottoposte a questo intervento sono a rischio di contrarre infezioni, setticemia, infezioni del tratto urinario, dolore durante i rapporti sessuali e altre complicazioni fisiche ed emotive derivanti dalla mutilazione.

L'invisibile violazione dei diritti dei bambini

violazione dei diritti dei bambini

Esistono altre forme di violazione dei diritti dei bambini. Forse non così visibile ma più sottile e normalizzato nella nostra società, ma ugualmente importante e inaccettabile. Abbiamo tutti in mente i bambini di situazioni terribili ed estreme che vedono le notizie e pensiamo che i nostri figli, accolti in una società che garantisce loro istruzione, salute e altri bisogni, abbiano i requisiti della Dichiarazione Universale dei Diritti del Bambino coperto. Ma non è sempre così molte situazioni che si verificano sia a casa che a scuola e che normalmente consideriamo legali, violano alcuni di questi diritti. Ti faccio alcuni esempi:

Uso o difesa della punizione fisica per motivi di educazione

In Spagna, l'uso della punizione fisica è un crimine secondo il Articolo 154 del codice civile. La violenza, qualunque sia la sua intensità, non educa. Non c'è guancia educativa, o miracolosa. Usando la punizione fisica, l'unica cosa che stiamo dimostrando è che abbiamo esaurito le risorse per risolvere il conflitto e, incapaci di controllarci, abbiamo sfogato la nostra rabbia contro i più deboli.

"È obbligo dello Stato proteggere i bambini da ogni forma di abuso perpetrato da padri, madri o qualsiasi altra persona" (Articolo 19 della Convenzione sui diritti dell'infanzia)

Urlare, ridicolizzare o minacciare il bambino

Molte volte, quando i bambini non si comportano come pensiamo che dovrebbero, ricorriamo a urla, minacce o scherno. Potremmo non esserne consapevoli, ma in queste situazioni i bambini hanno difficoltà, proprio come noi quando nel nostro lavoro o nel nostro ambiente non ci sentiamo accettati. La differenza è che abbiamo o dovremmo avere le risorse per difenderci. Tendiamo anche a godere dell'empatia degli altri adulti. Nei bambini, queste azioni sono considerate legali e di solito non si sentono supportate da nessuno, Piuttosto l'esatto contrario. Inoltre, si deve tenere conto del fatto che il danno emotivo può essere altrettanto dannoso o più che fisico.

"Il bambino, per il pieno e armonioso sviluppo della sua personalità, ha bisogno di amore e comprensione". (Principio VI della Dichiarazione universale dei diritti del fanciullo) 

Non prestare attenzione al pianto o alle richieste dei bambini

Quando applichiamo metodi di allenamento del sonno o ignoriamo i loro desideri di essere accompagnati, quando non permettiamo loro di esprimere le loro emozioni, li costringiamo a mangiare senza fame, a controllare l'addestramento alla toilette prima del tempo ..., in breve, ogni volta che non rispettiamo i loro ritmi e bisogni biologici, stiamo violando i tuoi diritti.

"Quando possibile, dovrebbero crescere sotto la protezione e la responsabilità dei genitori e, comunque, in un ambiente di affetto e sicurezza morale e materiale" (Principio VI della Dichiarazione Universale dei Diritti del Bambino)

Separare un bambino dai suoi genitori

diritti dei bambini

In alcuni ospedali, i neonati vengono ancora portati al nido senza giusta causa. Le madri che subiscono un taglio cesareo nella maggior parte dei casi non sono autorizzate a praticare la pelle a pelle. D'altra parte, è anche comune che in alcuni centri sanitari,  non lasciare che i bambini siano accompagnati dai genitori per alcuni test, violando così le disposizioni del Carta europea dei diritti dei bambini ospedalizzati. La separazione si verifica anche quando i bambini devono trascorrere lunghe ore nelle scuole e negli asili nido a causa delle condizioni di lavoro dei genitori e della mancanza di politiche di riconciliazione che tengano conto dei bisogni dei bambini. 

»Salvo circostanze eccezionali, il bambino non deve essere separato dalla madre" (Principio VI della Dichiarazione universale dei diritti del fanciullo)

Compiti scolastici e punizioni in eccesso

Quando i bambini tornano a casa carichi di compiti o vengono puniti senza interruzione, si viola il diritto di godere appieno dei giochi e della ricreazione. La maggior parte di noi adulti ha un programma e di solito non portiamo il nostro lavoro a casa con noi, con poche eccezioni. Godiamo anche per legge del nostro tempo di riposo durante la giornata lavorativa. In caso contrario, ci metteremmo le mani sulla testa. Tuttavia, vediamo normale e giustificato che un bambino sia privato del suo tempo di riposo durante la giornata scolastica o che torni a casa con così tanti compiti che gli è impossibile uscire per giocare o svolgere altre attività.

»Il bambino deve godere appieno del gioco e della ricreazione, che deve essere orientata verso gli obiettivi perseguiti dall'educazione; la società e le autorità pubbliche si sforzano di promuovere il godimento di questo diritto "(Principio VII della Dichiarazione universale dei diritti del fanciullo)

Bullismo scolastico o bullismo

Il bullismo scolastico è una forma di abuso fisico, verbale o psicologico che si verifica tra minori e ripetutamente nel tempo. In molti casi, Non viene data l'importanza che richiede poiché è considerata una cosa da bambini e che lo risolveranno tra di loro. Tuttavia, per il bambino colpito, la vita può trasformarsi in un inferno, a volte anche dover cambiare scuola. In casi estremi si sono verificati suicidi.

Questo è un problema serio che non dovrebbe essere preso alla leggera. Madri, padri e insegnanti, siamo responsabili di aiutare i bambini a far fronte a queste situazioni, così come per educarli alla tolleranza e al rispetto sia per gli altri che per se stessi.

«Il bambino deve essere protetto contro pratiche che possono favorire qualsiasi tipo di discriminazione. Deve essere allevato in uno spirito di comprensione e tolleranza di fronte alle differenze. (Principio X del Dichiarazione universale dei diritti dell'infanzia)

Decidi per i bambini o ignora le loro opinioni

I bambini l'hanno fatto diritto di essere informati e consultati sulle questioni che li riguardano, ma la solita cosa è che noi adulti li decidiamo senza consultarli.

"I minorenni hanno il diritto di essere consultati su situazioni che li riguardano e che le loro opinioni siano prese in considerazione". (IV Principio fondamentale della Convenzione sui diritti dell'infanzia).


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   • Cʜᴀɴɴᴇʟ di Kᴀᴍʏ • suddetto

    Il bambino deve essere protetto contro pratiche che possono promuovere qualsiasi tipo di discriminazione. Deve essere allevato in uno spirito di comprensione e tolleranza di fronte alle differenze.