Lo sai che la linea alba c'era già prima che tu restassi incinta?

Dicono che le cicatrici dei bambini siano piccoli "segni di guerra", tracce che hanno vissuto e si sono divertiti molto. Chi non ha mostrato una vecchia cicatrice di quell'albero su cui si erano arrampicati quando avevano cinque o sei anni? O quelle cuciture trasparenti che mostrano che a un certo punto qualcuno ha dovuto essere curato d'urgenza in guardia medica dopo un incidente domestico durante il gioco? Urti e cicatrici fanno parte della fase della vita dell'infanzia e qualcosa di simile accade con la gravidanza. Chi dice che la gravidanza non lascia tracce si sbaglia.

In un modo o nell'altro, ogni donna rende conto del record che è rimasto nel suo corpo dopo aver ospitato un bambino nel suo grembo. Le impronte possono essere invisibili agli estranei. Ma non per noi, che sappiamo com'era il nostro corpo prima di quei nove mesi e come è adesso. Ci sono casi in cui le tracce sono interne e si manifestano sotto forma di problemi di circolazione o dolore alla vita. In altri casi sono esterni e visibili. Può essere qualsiasi cosa, dall'aumento della cellulite a una pancia flaccida e gonfia. Oppure il seno cadente dopo l'allattamento, a cui si aggiunge la pelle più sottile della zona. La gravidanza rivoluziona il corpo, con il suo carico ormonale e con tutto ciò che implica portare un bambino nel grembo materno per tanti mesi.

E testimoni di quel passaggio sono le tracce sul corpo. Molte donne soffrono di vene varicose o vene varicose perché la circolazione rallenta, cosa che difficilmente può essere invertita una volta che compaiono. In altri casi i problemi si manifestano sotto forma di smagliature o flaccidità, soprattutto nella zona dell'addome e nonostante le tante creme che sono state utilizzate in gravidanza per prevenirle. E c'è anche la linea alba… che c'era già prima di rimanere incinta ma ora è una delle grandi testimoni che quel corpo ha ospitato una vita.

qual è la linea dell'alba

La linea alba è anche conosciuta come linea nigra ed è, come dice la parola, una linea che può apparire durante la gravidanza. Questo non accade in tutte le donne, ma la gravidanza è un sintomo molto frequente. È una linea scura che corre lungo il ventre della donna, dall'ombelico al pube. Con il progredire della gravidanza, molte donne scopriranno questa linea che appare dal nulla e rimane lì per qualche tempo dopo il parto.

A cosa è dovuto il suo aspetto? La cosa più curiosa di questa faccenda è che la linea alba è che non è un segno di gravidanza ma piuttosto è una linea che hanno tutte le donne ma che inizia a delinearsi durante la gravidanza. Man mano che la pancia cresce e la pelle si allunga, potresti notare questa linea che è di colore più scuro rispetto al resto della pelle. Una delle grandi curiosità è che la maggior parte delle persone crede che la linea alba sia marrone. Tuttavia, non è così.

Si tratta di una linea bianca con una condizione fibrosa che va dal pube all'ombelico e che in alcune gravidanze emerge al chiaro virando al marrone. Ma questa linea era già nel corpo prima di essa. Un'altra delle curiosità della linea alba è che non tutte le donne compaiono durante la gravidanza. Anche se c'è una grande percentuale di donne in cui questa linea cambia colore e diventa visibile, non sempre accade. Come in tutti i sintomi legati alla gravidanza e ai cambiamenti ormonali, a volte possono comparire mentre in altri casi no.

Una curiosità del caso? Come è noto, tra i miti della gravidanza ce n'è uno relativo alla linea alba. Ci sono persone che credono che la linea alba in gravidanza permetta di prevedere il sesso del bambino. Com'è? Ebbene, lontano dalla rivoluzione ormonale, la forma e la lunghezza della linea indicherebbero se ci si aspetta un maschio o una femmina. Quindi, se la linea alba sale sopra il tuo ombelico, il bambino è un maschio, e se, al contrario, non raggiunge l'ombelico della madre, sarà una femmina. Poco si sa di quanta verità ci sia in questi miti, ma anche così ci sono persone che scelgono di credere e analizzare il formato della linea alba per anticipare i misteri della vita. E voi cosa ne pensate? Credi in questi miti popolari?

Ormoni e pigmentazione

Quando la linea alba compare in una donna, non dovrebbero esserci problemi perché è comune che rimanga visibile fino a dopo il parto. A poco a poco, e quando gli ormoni tornano ai loro livelli normali prima della gravidanza, perderanno colore fino a scomparire. Questo perché sono questi cambiamenti ormonali che causano questo cambiamento nella pigmentazione che fa iniziare a vedere una linea finora invisibile. La pigmentazione può essere influenzata in diverse parti del corpo a causa di cambiamenti ormonali e la linea alba è una di queste, ma è comune anche la comparsa di macchie sul viso ed è per questo che si consiglia di non esporsi alle sole in modo che non rimangano dopo il parto.

Ci sono due ormoni che sono al centro dei cambiamenti nel derma: il progesterone e l'estrogeno, cioè i due ormoni che combattono di più durante la gravidanza. Questi ormoni stimolano la produzione di melanina, che rende la pelle più pigmentata. E questo accade soprattutto nel primo trimestre di gravidanza, quando i livelli di progesterone sono alti, provocando un aumento della temperatura corporea. Sebbene il corpo sia un orologio svizzero durante questi nove mesi e tutto abbia una ragione d'essere, la verità è che questo aumento ormonale lascia alcune tracce che poi richiedono del tempo per essere superate. Fortunatamente, nel caso della linea alba, nel tempo non ci saranno tracce.

Nei casi più comuni si registrerà solo una variazione del colore di questa linea, ma ci sono momenti in cui alcuni capelli possono comparire anche per l'elevata presenza di androgeni, altri ormoni legati alla gravidanza che sono molto presenti negli uomini. Non c'è da preoccuparsi perché, come la linea, anche i capelli scompariranno dopo il parto e quando gli ormoni torneranno ai loro livelli normali e il corpo si stabilizza.

Il momento in cui appare

Vediamo ora alcuni dettagli aggiuntivi: sebbene la linea alba o linea nigra inizi al pube, la sua estensione non è esatta. Ci sono casi in cui termina all'ombelico mentre in altri può proseguire anche un po' più in alto e raggiungere la zona del diaframma. Il miglior consiglio se sembra è quello di affrontare la gravidanza come se non ci fosse perché non c'è nulla di cui vergognarsi, indipendentemente dall'entità. Solo un campo di colorazione che è stato modificato per un breve periodo di tempo.

Ricorda inoltre che non esiste un'ora esatta per la sua comparsa, questo è un altro punto in cui potrebbero esserci differenze. In alcune donne si può vedere già verso la fine del terzo mese e in altre solo verso il quarto mese e quando il ventre diventa più grande e la pelle inizia ad allungarsi sempre di più. Si stima generalmente che la linea alba appaia nel secondo trimestre, più precisamente tra il quarto e il sesto mese. Ciò che è naturale in gravidanza sono queste piccole variazioni ma se le viviamo come parte della vita perché, appunto, stiamo gestando la vita e nulla si può pianificare al millimetro quando si parla di gestazione...

Infine, se sei all'interno della percentuale di donne a cui questa linea compare durante la gravidanza, ricorda che i cambiamenti nel derma possono essere molto vari e presentarsi in molti modi. Sebbene ci siano donne che negano questa linea, ce ne sono altre che soffrono di altri tipi di alterazioni della pigmentazione come la comparsa di lentiggini, cloasma, cambiamento del colore delle areole, macchie sul viso, ecc. Nel caso della linea nigra può essere più pronunciata nelle donne di carnagione scura per una maggiore presenza di melanina. Al di là del fattore estetico, la cosa più importante è che non lasci tracce a lungo termine.

Come rimuovere la linea bianca

E se sei preoccupato per la traccia che potrebbe rimanere e non ti fidi delle statistiche che indicano che non c'è traccia della linea alba, dovresti sapere che puoi incorporare alcune abitudini per evitare che la pigmentazione sia esagerata. La prima cosa è prendersi cura del sole e utilizzare una crema solare a schermo intero per evitare l'esposizione al sole ed evitare così una pigmentazione esagerata nella linea alba. Si consiglia invece di proteggere la pelle dai raggi solari durante la gravidanza. Come sapete è importante prendersi sempre cura della pelle dai raggi solari per non danneggiare il derma, avere sempre a portata di mano una crema con fattore di protezione, soprattutto nelle giornate di irraggiamento molto intenso e nelle stagioni più calde da allora usiamo meno vestiti che ci coprono.

D'altra parte, è importante anche una dieta sana; con abbondante presenza di alimenti di origine vegetale, e soprattutto ricchi di acido folico. Questa vitamina aiuta anche a controllare la pigmentazione, quindi è l'ideale da tenere in considerazione. Quali alimenti contengono acido folico? È presente, ad esempio, negli agrumi, negli ortaggi a foglia verde, nelle carote, nei broccoli e in molti altri ortaggi. Come sapete, anche una buona idratazione è molto importante e l'acqua aiuta sempre. Cercare un'abbondante assunzione di acqua non inferiore a 2-3 litri al giorno per aiutare la pelle a essere elastica e che non vi siano segni sulla pelle.

Consigli per prendersi cura di sé

Ma la cosa più importante è sapere che, sebbene per alcune donne sia una linea antiestetica, non comporta rischi per la mamma o per il bambino. Ciò significa che non è necessario preoccuparsi della salute di entrambi, ma basta avere un po' di pazienza e attendere che gli ormoni scendano e tornino ai livelli pre-gravidanza.

Infine, ricorda questi suggerimenti e tienili sempre a mente:

  • La linea bianca è un segno la cui comparsa non può essere evitata in questa fase, quindi evita di usare creme sbiancanti o qualsiasi prodotto che miri ad eliminarlo.
  • Dopo il parto e quando i livelli ormonali si saranno regolarizzati, la linea e il pelo in eccesso scompariranno senza lasciare traccia.
  • Usa le creme solari quando prendi il sole per ridurlo al minimo ed evitare che diventi più scuro.
  • Utilizzare sempre la protezione solare, soprattutto nelle ore di massima intensità solare e se la zona è direttamente esposta.

Ricorda come parliamo sempre, che se noti qualcosa di strano o che attira la tua attenzione dovresti fissare un appuntamento con il tuo medico di fiducia. Anche se è improbabile, è lui che sarà in grado di controllarti per assicurarsi che tutto funzioni senza intoppi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.